Ecologia – come si è chiuso il 2019 per i cittadini e le industrie

  • Consulenza, Inquinamento, Riciclo
  • Nessun commento
  • Andrea Montagna

Un 2019 ancora non perfettamente performante: da un lato la presenza di poche discariche e impianti che trattano i rifiuti, dall’altro un aumento del 30% di rifiuti ritirati.

Le percentuali che riguardano il 2019 sono molto buone perché i cittadini e le aziende hanno mostrato più coinvolgimento nel corretto smaltimento dei rifiuti grazie anche alle forti campagne di sensibilizzazione che si sono attivate online e in televisione.

Questo ha portato ad un aumento dei rifiuti ritirati differenziati, al quale però non si è contrapposta una crescita del numero di discariche ed impianti.

La soluzione, può essere già concepita alla base: agire direttamente sul momento della creazione del prodotto originale e pensare a come non trasformarlo in rifiuto.

L’andamento ecologico, poi, a livello industriale ha rispecchiato di pari passo quello del singolo cittadino: i comuni che non si erano attivati nella raccolta differenziata, oggi la svolgono correttamente e quelli che già se ne occupavano oggi hanno trovato il modo di migliorarla.

Per migliorare il sistema, ognuno deve agire nella corretta direzione per creare una catena perfetta: se il cittadino smaltisce correttamente i rifiuti, il comune riduce i costi e il servizio migliora.

 

 

Nel 2019 è aumentata la cultura ecologica

 

Come?

  • I supermercati e le industrie hanno diminuito la plastica, lasciando da parte il fattore costo (più basso per la plastica), per investire sulla carta o su imballaggi riciclabili. Elemento che certamente ha fatto riflettere e soprattutto ha sensibilizzato le persone.
  • I comuni hanno creato dei concorsi nei quali, il cittadino, è invitato a compiere azioni ecologiche come ad esempio: scegliere di muoversi a piedi o in bicicletta anziché con la macchina, ridurre la quantità dei rifiuti prodotti oppure andare spesso all’eco-centro.
  • Collaborazioni tra comuni e legambiente per organizzare corsi di formazione anche nelle scuole elementari e medie che aiutano anche i più piccoli ad avere la concezione del rispetto per l’ambiente e di cos’è il rifiuto e come gestirlo.

 

 

Un esempio di impegno ecologico è il comune di Valdagno, il quale tramite il comitato sta creando delle riunioni di quartieri per raccogliere domande e dare risposte che aiutino i cittadini a diminuire la quantità del secco.

Anche noi di econatura ci impegniamo per sensibilizzare le persone sull’argomento, ad esempio abbiamo attivato una campagna online dal titolo “dove lo butto” per coinvolgere l’utente a comprendere meglio come smaltire i rifiuti.

Puoi trovarla sui nostri canali social Fb e linkedin – gioca anche tu!

Inoltre organizziamo corsi di formazione base e avanzata sulla gestione dei rifiuti

https://www.econatura.it/corsi

Seguici per saperne di più!

Andrea Montagna
Autore: Andrea Montagna

Lascia un commento